Insieme Per Ravello | UN POST DI TROPPO: ALLA “MINORANZA” RIVOLGITI CON SENSIBILITA’
2458
single,single-post,postid-2458,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
13043729_490756184452123_1210604721779848582_n

UN POST DI TROPPO: ALLA “MINORANZA” RIVOLGITI CON SENSIBILITA’

 Leggiamo su Facebook un post di Raffaele Di Palma, classe 1992, consigliere comunale di maggioranza del comune di Ravello.

 Senza titolo 

Ci sorprende, ma forse il termine giusto in grado di esprimere il nostro stato d’animo è che ci addolora dover leggere a firma di un giovane amministratore venticinquenne  – il più giovane del civico consesso ravellese – commenti di tal specie

Un pensiero sprezzante, nel riferimento all’azione politica a favore dei cittadini della “minoranza”, e canzonatorio nel richiamare il risultato elettorale.

Lasciato da parte il rispetto ed il buon senso, per un post carico di ironia e pronto a beffeggiare e schernire un rappresentante in consiglio comunale. Un cittadino. Una parte della cittadinanza. 

 Suggeriamo all’amico Raffaele, per il futuro, di non soffermarsi più di tanto nel richiamare  il voto delle elezioni 2016. 

Se dovessimo soffermarci sull’analisi, dovremmo infatti ancora una volta evidenziare le alleanze improbabili che ne hanno in parte determinato l’esito. Le tante promesse di posti di lavoro e di prebende fatte, le schede anomale uscite dalle urne, le pressioni e il clima intimidatorio instauratosi nei giorni precedenti il voto ed in particolare nel sabato precedente il voto.

Un vero peccato per te invece, che forse non ti sei accorto che le minoranze – come ami apostrofarle tu -, sono state votate. E rappresentano una bella parte della popolazione che tu amministri.

Sei alla tua prima esperienza, non imbatterti in errori indotti da una sterile e preconcetta contrapposizione. In errori , se vuoi frivoli, ma che mancano di rispetto alle opposizioni consiliari e alla popolazione.

Raffaele, ti suggeriamo e ti chiediamo di essere buon amministratore della cosa pubblica e non lasciarti trascinare su velenosi commenti post elettorali.

 Con il consigliere Di Palma, impegnato lodevolmente e in prima persona a portare avanti il progetto “Cinema”, ci piacerebbe analizzare i motivi che ne hanno decretato il fallimento

La programmazione tardiva? Il breve respiro della programmazionecomplessiva (che va avanti di proroghe in proroghe ai fornitori dei servizi necessari)?

Il ripensamento tardivo rispetto alle aspre critiche all’iniziativa del “Progetto Cinema Insieme per Ravello”provenienti da esponenti di primo piano della sua compagine? I perduranti problemi tecnici che compromettono l’ascolto ottimale dei film?

Oppure, potrebbe soffermarsi da giovane e da socio, sullo stato di salute dell’associazionismo ravellese? Dei perché l’Auditorium – dapprima dichiarato inagibile e negato ad alcune associazioni -, sia diventato miracolosamente agibile e regolarmente utilizzato anche per spettacoli ed eventi di associazioni provenienti da fuori Ravello?

O ancora, per rimanere nello stretto ambito delle competenze relative alla delega di consigliere alla trasparenza, chiarire il perché i consiglieri debbano aspettare giorni e giorni per ottenere una nota dagli uffici del Comune.

Sono questi gli argomenti di cui ci piacerebbe dibattere  e commentare caro Raffaele, esponente della non “minoranza”, perché no anche su FB se necessario. 

È questa la maturità che ci aspettiamo da chi rappresenta il futuro del nostro Paese e deve essere di esempio per le nuove generazioni.

Non commenti velenosi e populistici.

Non entriamo nel merito, in questa sede, dell’interrogazione che ha indotto Raffaele al post su FB. Lo faremo in altro momento!

Ci teniamo a rimarcare, però, che il nostro operato e il nostro impegno politico-amministrativo, é stato e sarà sempre, soltanto a favore dei cittadini, senza inganni e senza false aspettative.

Gli atteggiamenti populistici e propagandistici non ci appartengono e non hanno mai contraddistinto il nostro operato.

La sensibilità e la vicinanza alle problematiche del nostro paese fanno parte del nostro DNA. Non accetteremo mai ironie e derisioni su questo aspetto.