Insieme Per Ravello | Rampa Auditorium, e le mille megalomanie!!!
2512
single,single-post,postid-2512,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
WhatsApp Image 2017-11-04 at 10.45.45

Rampa Auditorium, e le mille megalomanie!!!

Un sindaco costretto a ricercare nel libro dei ricordi di trent’anni le sue “valorose imprese” come il tunnel realizzato nel lontano 1990, in un tormentone nostalgico le cui avvisaglie erano ben chiare nella scorsa campagna elettorale.

Con grande tristezza e rammarico assistiamo, ancora una volta, a campagne propagandistiche che hanno il solo scopo di confondere e ingannare i cittadini.

Ricordate i manifesti affissi nel 2009 in occasione della candidatura a consigliere provinciale di Salvatore Di Martino allora vicesindaco?

La rampa Auditorium era, all’epoca, già la protagonista di quei manifesti. L’opera era annunciata come cantierabile e già finanziata.

SI SA, IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO!

Due VOLTE BUGIARDO, allora come oggi!

La rampa Auditorium non era cantierabile nel 2009 così come non vi era alcun finanziamento perfezionato.

Approfondiremo successivamente il tormentato iter tecnico-amministrativo della rampa-auditorium. Solo cosi i nostri onesti concittadini potranno apprendere la verità e prendere conoscenza del lavoro svolto dalla nostra amministrazione, indispensabile per poter realizzare compitamente quest’opera!

Ad oggi, dopo un anno e mezzo di amministrazione “Rinascita” le uniche opere pubbliche che si sono realizzate e/o completate sono quelle portate avanti dall’amministrazione Insieme per Ravello:

– Strada interpoderale zia Marta finanziata per 600mila euro;

– Rampa San Martino, primo lotto 80mila euro;

– Piazza Fontana Moresca, 500mila euro;

– Recupero ruderi Monastero SS Trinità e giardini antistanti, 250mila euro.

Piuttosto, che fine hanno fatto le opere che grazie al nostro lavoro erano già pronte per partire e che Rinascita Ravellese in campagna elettorale aveva assicurato sarebbero partite il giorno dopo?

A che punto è “Parcheggio Duomo”?

E “Parcheggio Lacco”?

E “Auditorium Oscar Niemeyer”?

Ci fermiamo qui al momento, preoccupati però della costante irascibilità di questa amministrazione che, come nel caso che ha visto il Comune soccombere in un giudizio evitabile contro cittadini per la vicenda schede Parcheggio Duomo, è spesso causa della cattiva gestione del danaro pubblico.

Fine prima parte”.