Insieme Per Ravello | IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 3 APRILE – PUNTO PER PUNTO
2476
single,single-post,postid-2476,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-10.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
1senza-titolo-1

IL CONSIGLIO COMUNALE DEL 3 APRILE – PUNTO PER PUNTO

Si è tenuto lunedì 3 aprile, alle ore 16:30 presso la Casa Comunale, la seduta del Consiglio Comunale convocata questa volta in maniera regolare, con il Question Time fissato separatamente dal consiglio alle ore 16,00.

Nelle precedenti sedute avevamo sostenuto con forza che il Question Time non dovesse coincidere con un punto all’ordine del giorno come avvenuto nella precedente convocazione e che ci aveva costretti ad abbandonare l’aula per il mancato rispetto dei regolamenti.

Diverse le interrogazioni presentate in Consiglio per un confronto fiume prolungatosi per quasi 5 ore.

  • Diretta streaming dei consigli comunali:

prevista da un apposito regolamento consiliare,

fortemente richiesta dalle opposizioni dell’epoca (oggi maggioranza), non è ancora stata attivata.

Voto contrario anche alla richiesta di diretta dei soli interventi dei consiglieri comunali di opposizione del gruppo Insieme per Ravello.

  • Benessere Giovani:

il sindaco si è riservato di risponderci in forma scritta.

Alla nostra richiesta di delucidazioni in merito alle eventuali dinamiche relative alla partecipazione al bando – un progetto che mira a sensibilizzare ed accompagnare i giovani dai 16 ai 35 anni alla cultura d’impresa, alla loro autonomia e all’acquisizione di esperienze e competenze utili a favorire la loro crescita personale, la cittadinanza attiva e la conoscenza dei territori e a dare spazio alle loro propensioni artistiche e creative -, nessuna spiegazione.

Non essendo presente all’albo pretorio alcun documento, chiedere come mai non avessimo partecipato ad un momento importante di crescita come questo è stata cosa dovuta.

Non aver partecipato o magari averlo fatto di nascosto? Questo il dilemma.

In Consiglio ci siamo dovuti accontentare di un “risponderemo in forma scritta”, ieri – come per magia – la delibera di giunta di adesione al progetto con annessa neo nata associazione a partecipare.

A pensar male si fa peccato, ma purtroppo troppo spesso ci si indovina!

  • Emergenza dell’Ospedale Costa D’Amalfi:

in assenza di comunicazioni in apertura di seduta rispetto al depotenziamento dell’Ospedale Costa D’Amalfi, abbiamo richiesto al vice sindaco con delega alla sanità informazioni ed aggiornamenti sulle azioni intraprese a tutela della salute dei cittadini della Costiera e dei tanti turisti che la frequentano.

Il bilancio preventivo grande protagonista del Consiglio, massima attenzione anche sui provvedimenti collegati e propedeutici all’approvazione dello stesso. Passando per il programma delle opere pubbliche, la determinazione tariffe, l’applicazione della Tasi, il piano finanziario dei rifiuti e Dup.

Ad ulteriore conferma della seria e competente azione amministrativa svolta in questi anni dall’Amministrazione Insieme per Ravello, rivolta al risanamento del bilancio ed al rispetto del nuovo impianto introdotto dalla normativa negli anni dal 2011 ad oggi, confermata l’impostazione generale del bilancio e le azioni avviate dall’Amministrazione Insieme per Ravello.

  • Tasi:

confermata la tassa sui servizi indivisibili  (Tasi) di cui l’attuale amministrazione aveva criticato l’applicazione, sostenendo non fosse necessaria e che fosse un inutile aggravio per i cittadini.

  • Tari ( Rifiuti urbani):

confermato il piano finanziario dell’anno 2016 grazie alla certezza dei costi derivanti da un appalto del servizio per un lungo periodo che garantisce continuità e risparmi ai cittadini che sono tenuti a coprire il costo del servizio al 100%.

  • Opere pubbliche:

confermato il piano delle opere pubbliche approvato dall’Amministrazione Insieme per Ravello nel 2016 con le relative fonti di  finanziamento ottenute (rampa Auditorium, depuratore) ed i progetti di finanza pronti per essere realizzati (parcheggio Duomo e parcheggio Lacco).

Inserito nella programmazione annuale anche la realizzazione del Terminal Bus, senza però indicazione delle fonti di finanziamento;

– polo scolastico e abbattimento barriere architettoniche:

ancora presenti nel piano i progetti per la costruzione della nuova scuola media per un importo di 1.600.000,00 e per l’abbattimento delle barriere architettoniche per un importo di 300.000,00 euro.

Abbiamo chiesto di recedere alla sciagurata decisione di rinunciare alla realizzazione della nuova scuola media confermando la nostra opposizione alla scelta di “ammassare” in un unico plesso tutte le classi con i conseguenti disagi nell’utilizzo della mensa, degli spazi riservati al personale docente ed al personale ausiliario ed ai laboratori didattici in particolare di informatica.

  • Bilancio preventivo:

confermata la struttura generale del bilancio 2016 che è risultato sano e ben strutturato.

Dopo 5 anni, confermati i trasferimenti di risorse dal governo centrale senza aver dovuto subire i tagli degli ultimi 5 anni ammontanti a circa 500 mila euro. Le scelte responsabili ed oculate del passato consentono oggi di poter investire risorse e mantenere inalterata la pressione tributaria su cittadini ed imprese.

Inseriti e finanziati alcuni interventi presenti nel programma elettorale della nuova amministrazione:

– scuola di politica, 20mila euro;

– riqualificazione della cartellonistica stradale e turistica;

– destinata parte dei proventi derivanti dall’imposta di soggiorno, per cui si prevede quest’anno un incremento delle entrate in virtù dell’aumento delle presenze turistiche e della nascita di nuove attività di casa vacanze e di B&B, al settore agricoltura aumentando le previsioni di interventi a favore dell’agricoltura (danni ai limonicoltori e manutenzione fondi agricoli).

– Fabbisogno del Personale:

anche qui confermata l’impostazione dell’Amministrazione Insieme per Ravello che prevedeva l’esternalizzazione del servizio di trasporto scolastico e interno. Pertanto, a fronte della soppressione del profilo di autista scuolabus, è stata avviato la procedura per la copertura di n. 2 posti di collaboratore amministrativo al 50% dell’orario di lavoro con riserva di un posto al personale interno da destinare all’ufficio protocollo.

La copertura del posto vacante è stata resa possibile grazie grazie alla modifica normativa che ha consentito la copertura al 75%, anziché del 25%, del dipendente Sebastiano Malafronte cessato dal servizio nel 2015.

– Puc:

confermato le allocazioni delle risorse per il completamento della redazione del Puc, avviato già nel 2015 dalla nostra amministrazione.

Nell’ambito della discussione sugli allegati al bilancio si è evidenziato il mancato inserimento, tra le società partecipate del Comune di Ravello, della Fondazione Ravello che ai sensi della normativa sopravvenuta sembrerebbe a tutti gli effetti società partecipata così come è considerata dalla Regione Campania.

 

Il consigliere Mansi Gianluca, ritenendo mancante il parere del Revisore su alcune modifiche regolamentari e considerando l’annesso ritardo nella deliberazione del regolamento Tari programmato tassativamente per il 31 Marzo, si è allontanato dall’aula al momento del voto.